Il counseling

COS'E' IL COUNSELING?

Il Counseling è un'attività professionale che mira a dare sostegno emotivo, orientamento e guida alla persona attraverso un percorso breve di 8 - 10 incontri basati su colloqui d'aiuto.

Il Counseling è trasversale ai vari ambiti di vita delle persone: lavorativo, scolastico, familiare e relazionale.

CHI E' IL COUNSELOR?

Il counselor è un'agevolatore del processo di cambiamento e attraverso le competenze di ascolto attivo, accettazione positiva incondizionata ed empatia, guida la persona del cliente in un percorso di autoesplorazione, per arrivare al benessere personale, attraverso la consapevolezza di sé e ad esser responsabile delle proprie scelte di vita.

Il counselor opera nel campo della salutogenesi in termini di prevenzione di disagi, che porterebbero ad una patologia più importante. Rivolgersi a un counselor è un modo sano ed efficace per esprimere la propria volontà di crescere e di cambiare il modo di affrontare situazioni problematiche.

IL TERMINE COUNSELING

Il termine Counseling non significa consigliare: il termine deriva dalla parola latina “Consulo” che vuol dire “venire in aiuto”, “avere cura di”. Il counselor offre al cliente un percorso di esplorazione interiore, al fine di condurlo ad una situazione di maggiore congruenza e di conseguenza, di migliorare il suo livello di benessere.

DIFFERENZE CON LA PSICOTERAPIA

Il counseling si differenzia dalla psicoterapia per la durata, in quanto il counseling è un percorso breve d'aiuto, mentre la psicoterapia prevede un intervento più lungo nel tempo. Per la problematica trattata, poiché durante il percorso di counseling la persona del cliente lavora su un problema specifico e circoscritto e non sulla totalità della sua personalità; il counseling si basa sul Qui e Ora della relazione e non si prefigge di fare un percorso a ritroso sulle problematiche del cliente.

Il counseling ha una funzione di sostegno e cerca di creare le condizioni adatte, affinchè la persona possa trovare da sola la soluzione al suo problema, aiutandolo ad uscire da una condizione interiore di disagio e di stress, offrendogi la possibilità di operare responsabilmente una scelta consapevole riguardo al problema presentato, poiché, secondo l'impostazione Rogersiana “il cliente ha le potenzialità necessarie per risolvere i propri problemi dopo averne maturato piena consapevolezza”.